skip to Main Content

Benvenuti

Sistematica SpA è l’azienda capofila operativa di un gruppo di PMI denominato “Gruppo Sistematica”, oggi controllata da S.M.R.E. Spa, società quotata al segmento AIM di Borsa Italiana.

Il Gruppo è nato a Terni nel 1996 da specialisti del settore informatico provenienti da alcune tra le più importanti aziende italiane del ramo IT. La partecipazione, con compiti di assoluto rilievo, a progetti ad elevato livello di specializzazione, ci hanno permesso di diventare, in questi 20 anni di vita aziendale, una realtà con quasi 15 milioni di ricavi annui e circa 100 risorse tecniche distribuite in 4 sedi sul territorio nazionale

Rimani in Contatto

Email: info@top-ssl.it
Phone: +39 0744 61221
Address: Viale D. Bramante 43, 05100 Terni (TR)

Dove siamo

+39 0744 61221 info@top-ssl.it Login / Register

Cybersecurity: 5 pericoli da prevenire per la sicurezza della tua azienda

Il panorama della cybersecurity è in continua evoluzione. In un momento storico come quello che stiamo vivendo, infatti, il numero dei crimini informatici è in vertiginoso aumento. Gli hacker ricorrono a pratiche sempre più raffinate per rubare i dati ad utenti e aziende, causando ingenti perdite a quest’ultimi

Per tali motivi, oggigiorno, è ormai diventato imprescindibile per le imprese pianificare una roadmap della propria cybersecurity così da evitare e contrastare questi rischi emergenti. 

Pensi che la tua organizzazione sia pronta per affrontare questa sfida? Scoprilo in questo nostro nuovo articolo dedicato ai nuovi trend che stanno interessando lo scenario della cybersecurity a livello globale. Buona lettura! 

cybersecurity

I pericoli per la sicurezza degli endpoint aziendali

Come abbiamo avuto modo di sottolineare in un nostro precedente articolo, la diffusione del Coronavirus ha rivoluzionato tantissimi aspetti della nostra vita, uno su tutti il nostro modo di lavorare. Il COVID-19, infatti, ha fatto sì che milioni di aziende adottassero il lavoro da remoto, portando così milioni di dipendenti a lavorare in smart working.   

Secondo un recente report del Rome Business School Research Center il numero di persone in telelavoro in Europa occidentale toccherà la cifra record di 123 milioni entro il 2022. In Italia, invece saranno circa 10 milioni gli smart workers previsti entro lo stesso periodo. Un’occasione ghiotta per cybercriminali in cerca di nuove occasioni per violare la sicurezza informatica delle aziende.  

Dato ciò è chiaro come sia sempre più importante per le organizzazioni proteggere il proprio ambiente di lavoro e i relativi endpoint. Fortunatamente gli strumenti per fronteggiare queste minacce ci sono e rispondono al nome di S/MIME per quanto riguarda la protezione della posta elettronica e firma digitale per quanto concerne l’autenticazione dei documenti. 

In particolare, l’utilizzo di S/MIME è il modo migliore per far sapere ai tuoi destinatari, siano essi clienti, fornitori o colleghi, che l’email è attendibile. I certificati digitali supportati da Public Key Infrastructure (PKI) sono la soluzione più utilizzata per proteggere la posta elettronica e sono riconosciuti praticamente da tutte le applicazioni. 

I deepfake

I deepfake, ossia la manipolazione di immagini e video a fini fraudolenti attraverso tecniche di intelligenza artificiale, sono una delle minacce più pericolose per l’integrità delle aziende. Infatti, con l’aumento e l’utilizzo sempre più massivo delle tecnologie di videoconferenza, crescono in maniera esponenziale le occasioni per i malintenzionati di creare deepfake sempre più convincenti. 

Secondo gli esperti del settore questa particolare tipologia di truffa ad oggi è costata alle aziende il corrispettivo di oltre 250 milioni di dollari.

l deepfake sono a tutti gli effetti una delle principali minacce con le quali le aziende di tutto il mondo dovranno confrontarsi nei prossimi anni. Ecco perché è sempre più importante per le organizzazioni dotarsi di tecniche di verifica dell’identità e sistemi di Public Key Infrastructure (PKI). 

cybersecurity_trends

Gli attacchi ransomware

Ogni membro di un’organizzazione può essere potenzialmente vittima di un attacco ransomware. Non importa il ruolo o la carica ricoperta, gli hacker sono sempre più bravi nell’utilizzare questa particolare tecnica per i loro fini criminali.

Un ransomware è un cyber attacco il cui utilizzo è cresciuto molto negli ultimi anni e che risulta essere estremamente redditizio per chi lo ordisce. Mediamente, infatti, ogni attacco costa all’azienda vittima una cifra prossima ai 235 mila dollari. Complessivamente nel 2021 gli attacchi ransomware hanno fruttato agli hacker circa 20 miliardi di dollari. 

Ecco perché le aziende dovrebbero difendersi attraverso soluzioni avanzate di protezione dei dati come l’autenticazione dei device mobile e Managed PKI.

I pericoli legati all’Internet of Things (IoT)

L’Internet of Things (IoT) è oramai realtà. Non stiamo parlando solamente di smartphone, tablet e personal computer, ma soprattutto di un’infinità di oggetti che fanno parte della nostra esperienza di tutti i giorni: macchine, condizionatori, frigoriferi, antifurti, dispositivi medicali e molti altri device che fanno parte della nostra vita quotidiana. 

Il problema è che questi dispositivi, essendo connessi in rete, possono essere un’ulteriore finestra, che gli hacker possono sfruttare per il loro tornaconto. Secondo gli ultimi dati disponibili relativi allo studio State of the Iot 2020, infatti, al mondo erano presenti ben 35 miliardi di dispositivi IoT ed un’infinità di sensori ad essi collegati.   

Le politiche di sicurezza IoT sono quindi cruciali e devono essere supportate da sistemi e pratiche per garantire la sicurezza IoT basate su PKI. Questo può aiutare a proteggere i dati, indipendentemente da dove questi risiedono.

cybersecurity_iot

Gli attacchi alle infrastrutture

I governi nazionali di tutto il mondo sono stati messi a dura prova dall’aumento delle minacce informatiche alle loro infrastrutture strategiche. Il recente caso del SolarWinds ne è un chiaro esempio. Un attacco informatico alla supply chain della piattaforma Orion di SolarWinds, infatti, ha permesso ad un gruppo di hacker di spiare per diversi mesi gli enti governativi statunitensi e numerose altre aziende.  

Secondo i dati dell’indagine effettuata da Claroty, il 55% dei professionisti della cybersecurity USA ritiene che l’infrastruttura critica degli Stati Uniti sia vulnerabile a un attacco informatico. Il 63%, invece, si aspetta un attacco informatico importante sull’infrastruttura nazionale entro il 2025. 

Oltre a una solida risposta agli incidenti e a piani di continuità operativa, le aziende dovrebbero investire in soluzioni di autenticazione per tutte le persone, macchine e dispositivi. In particolare per la tua azienda prendi in considerazione soluzioni PKI automatizzate che sono scalabili e facili da gestire.

In conclusione

Come abbiamo visto, l’evoluzione dello scenario della cybersecurity è estremamente rapido. Man mano che nuove tendenze in materia di sicurezza emergono, le organizzazioni devono adottare un approccio proattivo e non reattivo. La sfida per ogni impresa è quella di implementare un’’organizzazione tanto agile e collaborativa quanto protetta dalle minacce esterne.

Top SSL, rivenditore ufficiale GlobalSign, può aiutarti, offrendo un’ampia gamma di strumenti e i prodotti SSL innovativi per le imprese e i privati che vogliono garantire la cybersecurity, rispondere alle minacce e gestire in maniera efficiente i costi relativi alla gestione dei certificati SSL / TLS. Non aspettare ulteriormente contattaci!

Rimani in Contatto con Noi

Se hai una domanda inviaci una mail.
Sarai ricontattato dal  Nostro servizio Clienti  al più presto.

Back To Top
0
Connecting
Please wait...
Send a message

Sorry, we aren't online at the moment. Leave a message.

Your name
* Email
* Describe your issue
Login now

Need more help? Save time by starting your support request online.

Your name
* Email
* Describe your issue
We're online!
Feedback

Help us help you better! Feel free to leave us any additional feedback.

How do you rate our support?