skip to Main Content

Benvenuti

Sistematica SpA è l’azienda capofila operativa di un gruppo di PMI denominato “Gruppo Sistematica”, oggi controllata da S.M.R.E. Spa, società quotata al segmento AIM di Borsa Italiana.

Il Gruppo è nato a Terni nel 1996 da specialisti del settore informatico provenienti da alcune tra le più importanti aziende italiane del ramo IT. La partecipazione, con compiti di assoluto rilievo, a progetti ad elevato livello di specializzazione, ci hanno permesso di diventare, in questi 20 anni di vita aziendale, una realtà con quasi 15 milioni di ricavi annui e circa 100 risorse tecniche distribuite in 4 sedi sul territorio nazionale

Rimani in Contatto

Email: info@top-ssl.it
Phone: +39 0744 61221
Address: Viale D. Bramante 43, 05100 Terni (TR)

Dove siamo

+39 0744 61221 info@top-ssl.it Login / Register

PKI in DevOps: come utilizzarla e automatizzarla efficacemente

Gli sviluppatori potrebbero essere restii a implementare un approccio shift left per il loro ciclo di sviluppo poiché molto spesso soffoca il flusso di lavoro. Tuttavia, affrontare le moderne minacce alla sicurezza informatica richiede non solo una modernizzazione della tecnologia, ma un aggiornamento della cultura e della filosofia di sviluppo. Gli sviluppatori, infatti, dovrebbero considerare la sicurezza come parte integrante del processo di sviluppo. 

L’infrastruttura a chiave pubblica (PKI) è attualmente uno degli strumenti di autenticazione di sicurezza più affidabili. Ma come possiamo integrarlo nello sviluppo senza interrompere il processo di produzione? Dopotutto, l’obiettivo principale di DevOps è fornire un software robusto in tempi rapidi. In questo nuovo articolo capiremo proprio come gli sviluppatori possono utilizzare e automatizzare l’infrastruttura PKI in DevOps.

pki_devops

Cos’è un’infrastruttura a chiave pubblica PKI

PKI è un criptosistema asimmetrico a doppia chiave. Fornisce ai sistemi IT livelli elevati di crittografia dei dati, riservatezza delle informazioni e gestione dell’identità tramite firme e certificati digitali.

Gli scambi di messaggi crittografati sono uno degli usi più comuni di PKI. Durante questo processo, infatti, i messaggi vengono crittografati utilizzando una chiave pubblica e decriptati utilizzando una chiave privata. Sebbene la chiave pubblica sia disponibile pubblicamente, la chiave privata tende ad appartenere a una singola entità. Tuttavia, prima che il destinatario possa aprire o decrittografare un messaggio, deve convalidare l’identità del mittente.

PKI esegue questa funzione utilizzando l’autenticazione del certificato digitale per accertare l’identità del titolare della chiave pubblica. L’intero processo può aiutare a prevenire le frodi e garantire che i messaggi siano privati ​​e sicuri. Ma in che modo questo processo è rilevante per lo sviluppo del software, perché e come dovresti implementarlo nella tua pipeline DevOps?

PKI e lo sviluppo di un software

Sebbene il concetto di PKI possa sembrare semplice, è abbastanza flessibile e potente da essere utilizzato in una pletora di casi d’uso relativi al software. Ad esempio, gli sviluppatori web possono utilizzare la convalida del certificato SSL /TLS per lo sviluppo web. Inoltre, possono utilizzare PKI per facilitare l’autenticazione a più fattori.

Questa funzionalità può consentire loro di creare sistemi di accesso in cui le credenziali utente non sono archiviate in database o file tradizionali. Naturalmente, è possibile utilizzare PKI per proteggere l’accesso al codice sorgente, limitando l’accesso a repository e file solo a specifici soggetti. Inoltre, PKI può aiutare gli sviluppatori a gestire la crittografia e la decrittografia del codice sorgente, nonché il loro software utilizzando la firma del codice.

La sfida più grande per gli sviluppatori è incorporare la PKI nel processo di sviluppo nel modo più fluido possibile. Ci sono due modi in cui possiamo sfruttare DevOps per PKI. Possiamo utilizzare la metodologia DevOps per integrare le convalide basate su PKI nel software e nei servizi aziendali. In alternativa o in aggiunta, possiamo automatizzare la distribuzione e la configurazione di PKI utilizzando DevOps.

Come distribuire e automatizzare PKI con DevOps: passaggi e strumenti

L’emergere di PKI può sembrare recente a causa della sua attuale popolarità. Tuttavia, esiste dagli anni novanta. D’altra parte, DevOps è stato concepito nel 2008 per sostituire le vecchie metodologie della pipeline di sviluppo come Agile. Entrambe le tecniche sono state accuratamente provate, testate e perfezionate nel corso degli anni.

Oggi gli sviluppatori hanno accesso a un’ampia gamma di strumenti per implementare efficacemente l’infrastruttura PKI con DevOps. Questa sezione della guida ti mostrerà in modo efficace come farlo e quali strumenti utilizzare.

La selezione dell'autorità di certificazione

Quando si mappa la strategia di distribuzione PKI DevOps, è necessario innanzitutto assicurarsi di utilizzare un’autorità di certificazione sicura e affidabile. GlobalSign è una di queste CA. È un provider di certificati pubblici e privati ​​basato su cloud a sorgente singola. Inoltre, fornisce archiviazione chiavi offline, autorità di timestamp, servizi di revoca e infrastruttura per la gestione dei certificati SSL /TLS. GlobalSign offre anche una soluzione di implementazione automatizzata dei certificati. Insieme all’accesso alle API REST ed EST di GlobalSign, questa funzione la rende altamente adatta per l’integrazione DevOps.

Gli sviluppatori che cercano un’alternativa open source dovrebbero prendere in considerazione l’utilizzo di EJBCA (Enterprise Java Beans Certificate Authority). È una soluzione di gestione PKI altamente scalabile. Gli sviluppatori di software possono sfruttarlo insieme a servizi di distribuzione automatizzata e di gestione di container come Kubernetes per fornire l’emissione di certificati senza interruzioni per pacchetti software e microservizi. Tuttavia, la tua CA è la base per il tuo sistema PKI. Pertanto, è importante selezionare quella giusta. Dovrebbe essere in linea con le tue esigenze di sviluppo e sicurezza.

La selezione dello strumento di automazione

Dopo aver deciso come generare e gestire il sistema PKI, è necessario decidere come distribuirlo e integrarlo. Ancora una volta, soluzioni come GlobalSign offrono soluzioni di registrazione automatica e integrazione API per semplificare l’implementazione.

Se non sei disposto a impegnarti in un servizio come questo, ci sono soluzioni alternative a tua disposizione. Gli sviluppatori possono utilizzare strumenti open source come Certbot per la generazione e la gestione automatizzate dei certificati  SSL /TLS. Tuttavia, gli sviluppatori potrebbero prendere in considerazione l’utilizzo di una soluzione di automazione IT come Ansible per una configurazione e distribuzione di certificati PKI automatizzati più robusti.

Ansible è adatto a grandi ambienti complessi con numerosi server e/o container. Tuttavia, gli utenti possono considerare l’utilizzo di un servizio come Jenkins per progetti più piccoli. Jenkins è comunemente usato nei framework di integrazione continua e distribuzione continua (CI/CD) per automatizzare build, test e la distribuzioni di progetti.

In quanto tale, può essere appropriato e utilizzato per le distribuzioni DevOps. In questo caso, puoi usarlo per configurare e consegnare automaticamente i certificati, nonché per eseguire convalide. Proprio come EJBCA, Jenkins è un progetto open source basato su Java. Questo aspetto offre un’opportunità per un’interfaccia e una personalizzazione flessibili.

Tuttavia, non devi necessariamente scegliere tra Ansible e Jenkins. Puoi eseguirli uno accanto all’altro. Puoi usare Ansible per la gestione e Jenkins per la configurazione e l’ottimizzazione. Pertanto, utilizzerai Ansible come soluzione di distribuzione PKI per DevOps e Jenkins come strumento DevOps per PKI. 

La protezione delle implementazioni PKI e DevOps

Una volta che i team IT hanno deciso come implementare e automatizzare il loro sistema PKI, devono assicurarsi che il processo sia sicuro. Per quanto sicura sia PKI, presenta ancora alcune vulnerabilità. Ad esempio, i messaggi crittografati tramite PKI possono essere decriptati e archiviati come testo non crittografato sul server di un fornitore, mittente o destinatario.

Se i malintenzionati trovano un modo per entrare in una macchina in cui è memorizzato il testo in chiaro, possono aggirare la sicurezza della PKI copiandola e decifrandola. Pertanto, è importante aggiungere un ulteriore livello di sicurezza per DevOps e PKI. Un modo per farlo è implementando una soluzione di rilevamento e risposta estesa (XDR) per aiutarli a cercare eventuali minacce e violazioni.   

Un altro modo per implementare un ulteriore livello di sicurezza è utilizzare uno strumento come HashiCorp Vault (offerto tramite la piattaforma Atlas) e AWS Secrets Manager . Entrambe sono piattaforme basate su cloud che consentono di archiviare e proteggere chiavi di crittografia, certificati e credenziali. Ciò può aiutare gli sviluppatori a garantire che chiavi e i certificati non siano esposti e salvati dalle API durante la decrittografia. Possono anche garantire che i certificati siano emessi e distribuiti ai contenitori, alle macchine e alle entità corretti.

PKI per DevOps e automazione della sicurezza

Approcci come DevOps aumentano la quantità di sviluppo e implementazione delle applicazioni. In quanto tali, le vecchie tecniche di convalida dell’identità e di gestione dei segreti sono diventate obsolete, non solo per la loro inefficacia, ma anche per la loro rigidità. Semplicemente non sono adatti per implementazioni DevOps su larga scala.

Per garantire la sicurezza sia del processo che delle applicazioni sviluppate, i team devono creare una serie di test automatizzati all’inizio del processo di sviluppo. Questi test possono essere impostati per essere eseguiti mentre l’applicazione viene sviluppata tramite processi automatizzati.

Alcuni di questi test possono includere test funzionali che garantiscono il corretto funzionamento degli accessi e delle convalide delle credenziali. Inoltre, puoi anche testare vulnerabilità come configurazioni errate, esposizioni della piattaforma e crittografie SSL traballanti che possono influire sulla sicurezza delle applicazioni. Gli sviluppatori possono anche eseguire test di penetrazione automatizzati che valutano costantemente se il sistema operativo e l’applicazione sono protetti contro qualsiasi tipo di attacco.

PKI è uno strumento potente, tuttavia, non fornisce una soluzione per tutti i test di sicurezza e i casi d’uso. Gli sviluppatori, infatti, devono adottare un approccio globale alla sicurezza, poiché questi processi possono essere automatizzati, la protezione dello sviluppo e della distribuzione delle app non deve ostacolare la loro creazione. Top SSL mette a disposizione delle imprese i suoi servizi e prodotti SSL innovativi per ridurre i rischi, rispondere alle minacce e controllare i costi relativi alla gestione dei certificati digitali. Non perdere tempo contattaci!

Rimani in Contatto con Noi

Se hai una domanda inviaci una mail.
Sarai ricontattato dal  Nostro servizio Clienti  al più presto.

Back To Top
0
Connecting
Please wait...
Send a message

Sorry, we aren't online at the moment. Leave a message.

Your name
* Email
* Describe your issue
Login now

Need more help? Save time by starting your support request online.

Your name
* Email
* Describe your issue
We're online!
Feedback

Help us help you better! Feel free to leave us any additional feedback.

How do you rate our support?